gauche caviar

Maxwell Doig
Maxwell Doig

 

ci si scarmana togliendola da sotto la pila

la mano che si sovrappone battendo forte le altre

nel gioco del dire che gli altri sò quello che sò

peggio del meglio che io

 

e che impeto a difesa di un principio

fedeli ancora alle linee

astratti punti in sequenza lunga

scordando larghezze di prato

 

ai lati si è lontani dal mezzo

il circolo dista uguale dal punto

e come lo giri sta

 

te ne andavi una mattina quando ti si ruppe il mezzo, commosso al centro guardasti e passò il rude buono, il ma anche, il dovunque e l’ora e sempre, l’ape nana che inquina, il magma che ammala, la mano che stira quella che tira, il boia che balla, il re con la gonna, i lasciapassare e pensasti che fare

quel che conta non era pensare, stare in ammollo, tornare

i piedi toccavano asfalti schiariti, lì dove passarono altri smezzati prima delle patenti e del bitume di giudea nero di pece

vedesti e anche ora lo fai spine dorsali tremolii e rossori e tutta la fatica di essere

confondere

ché tutti cadremo dalla stessa barca

con o senza cashmere, zecche e kameraden, destre sociali e radicali mancini, bigiotterie politiche e vere trans partito, guance gonfie di ipse dixit che mai sputano, speranzosi responsabili dell’illusione necessaria o utili voti a seconda, non allineati squadrati, quadri e cornici, cimici e talco

signore e signori, buonasera

 

 

 

Annunci

3 thoughts on “gauche caviar

    • Vincenzo Errico 1 marzo 2015 / 12:26

      Sì, c’era, come in ogni epoca. E’ l’ora inquieto che fa marmocchi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...