segnale sfumato

Shi YU
Shi YU

 

taccuini senza righe, fogli bianchi, trofei di viaggio unici e portabili, fermi su scaffali sottosopra a guardare l’orizzonte

l’intento più non li considera, lascia blocchi di pagine stanche, debiti di pronuncia ineseguiti 

è la tastiera che vale ora, senza più grafie sbilenche per posture sdraiate, o buche in sequenza da alfabeto morse

ebbene fui pazzo e ancor non mi ravvedo che quel che conta scordo, invece prendo botte in piena faccia che le mie mani hanno ben diretto, quindi niente motti a sostenere ingressi ai simboli di quiete

la mia tovaglia ha macchie lavate con sbagli di candeggio

strano tremore prende le gambe per gli spostamenti di stagione anche se durerà, questa, più di quattro messe insieme, eccitazione a scoppio come negli anni del primo motore e più si ferma, più riparte rozza, dettaglio inguardabile sul vestito grande evento

quello che volete so apparire e nella discrezione mi arrotondo, salvo aprire in strada quei ventagli che alcuni chiudono a ore programmate e conto i giorni per non essere scontato

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...