ça va sans dire

Jhina Alvarado
Jhina Alvarado

 

non basta mai la tua faccia a spiegare, ti devi inventare macchine parlanti e gran casse per assolo degni di nota, o assaggi di pietanze ben disposte su tavoli stretti da companatico sociale

d’altro canto stirare grandi pieghe non farà di te un ordinato

le fughe poi ti vengono a prendere senza resistenza e ti perdi così le voci nel silenzio di base

non vanno giù le cose che vengono su, non si sono mai mosse pur tra fatiche d’ercole

ritorno quindi prima del buio ché lo scuro mi preme il cuore

 

 

 

Annunci

2 thoughts on “ça va sans dire

  1. romeoraja 13 gennaio 2014 / 08:44

    ci sono mille modi per dire e credere di sapere la sensibilità. e non è quasi mai quello giusto. bellissima.

    • Vincenzo Errico 13 gennaio 2014 / 18:25

      e tra quelli possibili c’è un grazie a te che di sensibilità pratichi passi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...