prospettiva coraggio

Viktor Popkov
Viktor Popkov

 

ho smesso di mandarmi nella mia

da quando ho preso posto in casa d’altri,

per strada leggo facce parlo con le mani

che i piedi son tutto un gran cadere

 

non stillo pianto a gocce,

un cuore in soprassalto crea righe,

o quadri bianchi di quaderno nero,

che copro di grafia a inchiostro d’acqua

 

la stanza che non apro da più volte

è piena di tormenta come neve,

nomenclatura che somiglia tutta

a quella che in rassegna non si passa

 

e lungo il lungocorso  dei grovigli

metto in sesto tutto quel che appare

sbagliato disonesto e reo confesso

che l’ago cuce il taglio che non chiude

Annunci

2 thoughts on “prospettiva coraggio

  1. lamia82 15 gennaio 2014 / 17:36

    Hai una scrittura molto interessante…. piena di rimandi……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...