il profumo della cosa

William Albanese Sr

In dietro si torna dove casa è seconda,

pieni di fumo di camino della prima,

di legna d’ulivo che arde a oltranza

e verdura a mazzi che riempie la memoria.

Con me invece porto riserve di farmaci,

per la grande di casa,

referti di tecnici di protesi acustiche

e prescrizioni tante d’esame.

Per qualche ora lascio un pezzo di famiglia

che domani mi raggiungerà per l’inverno,

per più giorni invece il mio prediletto

che intimorito fa le guide a scuola.

Le bevute con le amiche di benvenuto

non prevedono ancora quelle di benpartito,

ma la rete raccoglie e non disperde

e se perde qualcosa è il profumo della cosa.

Annunci

4 thoughts on “il profumo della cosa

  1. Abele Longo 2 settembre 2012 / 11:25

    molto bella, Vincenzo.

  2. Antonio Caputo (@a_caputo) 2 settembre 2012 / 11:25

    Il profumo della legna d’ulivo è incenso che la rete non può raccogliere, ma anche quella benedice attraverso le parole. Saluti al tuo prediletto intimorito dalla guida e alla grande di casa che ascolta il silenzio.

  3. Vincenzo Errico 2 settembre 2012 / 16:44

    Grazie Abele, Antonio e Fernanda. Buona fine e buon inizio di stagione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...