solitaria 

Foto di Dèsirèe Dolron

 

Serate portate al guinzaglio, domesticate,

con l’istintività seguita ad occhio

per aprire cunicoli che s’affacciano veloci

e spazzare  il palco prima della scena

quando l’attore comincia la replica.

Passo momenti a ripassarli mentre vivo

così li fermo ancora prima del via,

preparo parole nel parlare

come costruttore con la mappa in mano,

poi viene sera e fa sempre bene finire.

Sfumo sulla vita come dentro una scala

 chiocciola

l’odore di fritto che s’alza e arriva,

serrando la bocca in muta tensione

che tiene costretto una parte di sensi

 sofisticati

scaldando il palato della platea.

Ma tanta misera strategia non esalta

e il tormento s’infila come anello

sulle dita incredule e pronte,

continua così la querelle di stagione

fino alla prossima nostalgia meretrice. 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...